Soffi di Pasqua di Deferrari Giancarla

Soffi di Pasqua

In questa primavera surreale

così intensa

così intrisa

di toni discordanti,

ogni atomo galleggiante

di certezza

sembra naufragare

nello stupore

di un’attesa.

In questo cielo

così terso

così tinto

di pennellate profumate,

ogni palpito pulsante

di piacere

si tramuta

nella paura

di un ospite inquietante.

In questo turbinio

così vorticoso

così vorace

di immagini e parole,

ogni attimo fugace

di tempo

s’incammina

nella lontananza

di un nostalgico silenzio.

Ma il ventre

lievita e si muove,

la vita urla

il suo diritto all’ascolto

la voragine del nulla

risveglia la ricerca di valori.

Avevamo bisogno di sentirci vivi,

Avevamo bisogno di sentirci umani,

Avevamo bisogno di sentirci autentici.

Giancarla

Bricherasio, 09/04/2020

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.