Forbice di Parise Tullio

Forbice
Perché non recidi, forbice, quel volto
perché non sfrondi l’albero che langue,
l’arbusto che annaspa.
la siepe che agonizza?
L’aratro ti sprona e tu
volgi lo sguardo indietro
a rinnovare vetusti meccanismi,
a reiterare vecchi percorsi.
Perché non recidi, uomo, quella memoria
che, perversa, ti lega a ciò che più non è.
A ciò che, sì, fu, ma lento si disfa.
A quanto non torna, effimero passato?
Coraggio non trovi nel domani
che, ignoto, si profila,
lupo nella notte,
ululante la tua solitudine.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.